lunedì 12 maggio 2014

infibulazione



 tra onore sociale e diritto individuale

Infibulazione: taglio del clitoride, delle piccole labbra e della porzione superiore delle grandi labbra.
La porzione inferiore delle grandi labbra viene suturata a ricoprire l’orifizio vaginale.
Nella maggior parte dei casi viene praticata sulle bambine dai 2 agli 8 anni.
La prima notte di nozze la donna viene deinfibulata per consentire la penetrazione, e reinfibulata dopo ogni parto per ripristinare la situazione prematrimoniale.

L’infibulazione viene praticata in società a carattere patriarcale, in cui la donna viene considerata un essere inferiore, con una sessualità da reprimere e da condannare: al di là di motivazioni religiose (l’infibulazione  è infatti praticata in società di religione islamica, cattolica, ebraica, politeista e allo stesso tempo condannata in ognuna di esse), la sessualità femminile è vista come un istinto impuro, che deve essere controllato: garantisce la verginità della donna, ne riduce il desiderio sessuale, impedisce la masturbazione.
In questo modo una donna contribuisce a salvaguardare l’onore della famiglia, ne preserva l’integrità. E questa diventa una componente così essenziale della propria vita da far dimenticare il carattere di sevizia proprio dell’infibulazione, come violazione fondamentale dei diritti umani, per trasformarla invece nella discriminante fra onore e disonore, dimenticando così la sofferenza, la privazione della propria naturale sessualità, la naturale condizione di subordinazione che sta alla base di pratiche di questo genere La donna a questo punto ritiene naturale vivere privata della propria essenza e "persona", in favore della integrità e dell’onore familiare. Desidera essere infibulata per evitare l’emarginazione, perché la sua vita societaria possa essere uguale a quella delle altre donne, perché possa essere dolorosa come quella delle altre donne.
Nella tradizione le mutilazioni genitali femminili non sono considerate un atto di violenza sul minore, ma un segno di attenzione e cura della famiglia verso la bambina: la donna non escissa è stata una bambina di cui nessuno si è preso cura. Una donna non infibulata, anche se vergine, difficilmente può trovare marito

Durante il processo di guarigione viene inserita nella vagina una scheggia di legno per poter permettere il passaggio dell’urina e del sangue mestruale. A seconda dei diversi costumi, la fertà viene cucita con un filo di seta o con delle spine d’acacia.
Per aiutare la guarigione vengono arse sotto la ragazza delle erbe aromatiche tradizionali o della linfa essiccata, che sono spesso causa di infezioni violente.
In seguito all’operazione, le gambe della ragazza vengono legate e lei viene immobilizzata per diverse settimane finchè la ferita della vulva non guarisce.
Gli strumenti per compiere l’infibulazione sono spesso coltelli, lame di rasoi, forbici e pezzi di vetro. L’anestesia non viene quasi mai praticata.

Le conseguenze dell’infibulazione si prolungano per tutta la vita di una donna: dal rischio di morte per infezione dopo l’intervento (ed è un rischio molto alto) alla possibilità che l’operazione danneggi anche altri organi (nei villaggi viene effettuata dalle levatrici, inesperte delle pratiche chirurgiche), alle complicazioni al momento del parto che possono portare alla morte della madre e del figlio, alle inevitabili conseguenze di carattere psicologico.
Nonostante tutto questo le donne continuano ad essere infibulate, a voler essere infibulate anche lontane dal paese d’origine, a voler essere infibulate dopo il parto e a far infibulare illegalmente le figlie nei Paesi in cui sono emigrate.
Continua a perpetuarsi lo scambio fra persona e società: la donna perde la propria individualità e i proprii diritti fondamentali, e in cambio viene accettata dal gruppo, riconosciuta degna di farne parte, al prezzo di altre innumerevoli rinunce e sofferenze; il prezzo dell’onore e la perdita dell’umanità, l’onore della famiglia in cambio della persona.
Alcuni antropologi hanno detto che non sta a noi giudicare giuste o sbagliate queste pratiche: ne sostengono la validità e affermano che solo la nostra morale occidentale la può considerare un attentato all’integrità del corpo femminile; dicono che la donna senza il rituale dell’infibulazione è incompleta, mentre una donna infibulata è molto più equilibrata. Ma in questo modo non considerano l’evoluzione della cultura, poiché l’uomo invece ha il potere di modificare le leggi che condizionano l’esistenza del suo gruppo di pari passo alla riappropriazione delle leggi che governano la propria esistenza. Un gruppo societario nasce infatti dall’unione di individui che stabiliscono delle leggi per governare se stessi in relazione con l’altro e da questo ottenere benefici che non avrebbero individualmente; queste leggi dunque non sono immutabili, ma devono seguire il corso dell’evoluzione umana in modo da salvaguardare il diritto di ogni individuo di esercitare i proprii diritti all’interno di quel gruppo. Non c’è un prezzo da pagare alla società per acquistare una propria dimensione di esistenza.

(Francesca Spagnotto)

fonte: www.kore.it

5 commenti:

  1. titoli dei quadri di EDVARD MUNCH sono rispettivamente, PUBERTA' e MADONNA

    RispondiElimina
  2. Madonna of the wasps:

    https://www.youtube.com/watch?v=ryLSFWgxDzA



    RispondiElimina
    Risposte
    1. canzone orecchiabilissima. Grazie.

      Elimina
    2. Grazie.
      Quest'uomo si è macchiato di canzoni di una bellezza imbarazzante.
      Eccone una per tutti quelli che sognano:

      https://www.youtube.com/watch?v=sAbO87zDqx0

      Elimina
  3. Siete dei fascionazileghisti razzisti...

    RispondiElimina